Consigli di sopravvivenza: piedi nudi come una vera hippie!

Pazienza. Il primo consiglio in questi giorni di caldo bestiale è…tanta pazienza. Non vorrete mica mettervi a litigare con il signore sul SUV , che vi ha appena guardato con quell’aria omicida e che per poco non vi arrota come fosse alla guida di un carrarmato!!! Io eviterei di mettermi a litigare, nonostante tutte le buone ragioni del mondo, perchè come anche gli scienziatoni sostengono, il caldo dà alla testa. Non vorrei mai trovarmi a trascorrere le mie ferie d’agosto con una bella composizione di fiori come copricassa.

Detto questo, che è il primo comandamento dell’estate, valido anche per vicini molesti dall’accento milanese e bambini maleducati di cui si riempiono i luoghi di vacanza, passerei a qualche mio rimedio di sopravvivenza.

Uno. Non indossare gli stivali. Banale? Non penso. Per fortuna è una moda di qualche anno fa e possiamo stenderci su un velo pietoso, ma lo stivale d’estate è punitivo. E’ un cilicio, uno strumento di tortura che andrebbe esposto al museo di San Gimignano. Con tutti i sandali, le zeppe e le ciabattine meravigliose che ci sono in giro, perchè mettersi lo stivale autolesionista? Qual è la colpa che vorremmo espiare?

Io non so voi ma, anche se le scarpe invernali hanno il suo perchè, non vedo l’ora che arrivi maggio per poter indossare i sandali o per avere occasione per camminare scalza.

Sì, perchè il secondo rimedio è proprio questo: camminare scalzi. Ogni tanto, non solo sulla sabbia in spiaggia ma anche sull’erba, se si dispone di un giardino, oppure sul terrazzo, o in casa! Chi ha il pavimento di marmo poi ha il sacro dovere di farlo! Credo che camminare scalzi non solo sia un beneficio enorme per la circolazione (pensiamo a quanto tempo passiamo l’inverno con i piedi e le caviglie chiusi in calzini, stivali e scarpe) ma anche per l’anima: si percepisce il suolo,il proprio passo, e ci si sente un po’ hippie, un po’ più liberi e selvaggi! Qualche giorno fa non solo ho tolto le scarpe e ho camminato a piedi nudi sull’erba, ma, presa la gomma con cui annaffio il giardino, mi sono bagnata come facevo da piccola! Ero piena di pinuglieri e fili d’erba, eppure felice e padrona di me!! Che importa se ci si sporca: l’acqua e il sapone esistono per questo! L’importate è che non ci si sporchi l’anima a furia di evitare il vero contatto con la vita!!ImmagineImmagine

Pics. from Spell & The Gipsy http://www.spelldesigns.com/

Annunci

2 thoughts on “Consigli di sopravvivenza: piedi nudi come una vera hippie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...